PACE fiscale – rottamazione cos’è e come funziona.

equitalia

La pace fiscale è un progetto ampio e articolato che prevede quattro diverse opzioni di chiusura dei debiti e delle cartelle:

La novità più importante è proprio il saldo e stralcio delle cartelle per i contribuenti in difficoltà economica.

Per quel che riguarda invece la rottamazione ter 2019 e la definizione agevolata delle liti pendenti si tratta invece di una riedizione, seppur con alcune novità rilevanti, di misure già varate nelle precedenti legislature.

Andiamo per gradi e vediamo cosa prevede ciascuna delle misure previste dalla pace fiscale.

Pace fiscale: come funziona il saldo e stralcio delle cartelle

La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto il saldo e stralcio delle cartelle per i contribuenti in difficoltà economica, misura che si affianca alla rottamazione ter e che prevede condizioni di gran lunga più vantaggiose per i contribuenti.

 Per chi presenta un ISEE di valore non superiore a 20.000 euro, l’importo del debito relativo a carichi affidati all’Agente della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017 potrà essere pagato in misura parziale, secondo tre aliquote e tre diversi scaglioni:

Valore ISEE Aliquota pagamento saldo e stralcio cartelle
Fino a 8.500 euro 16% delle somme dovuto a titolo di capitale e interessi per ritardata iscrizione a ruolo
Da 8.500,01 euro a 12.500 euro 20% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi per ritardata iscrizione a ruolo
Da 12.500,01 a 20.000 euro 35% delle somme dovute a titolo di capitale e interessi di ritardata iscrizione a ruolo

A tali importi sono da aggiungere, inoltre, le somme maturate a favore dell’Agente della riscossione a titolo di aggio e spese per procedure esecutive e diritti di notifica.

L’agevolazione riguarda solo le persone fisiche e alcune tipologie di debiti ovvero:

  • imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività previste dall’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973 e dall’articolo 54-bis del D.P.R. 633/1972, a titolo di tributi e relativi interessi e sanzioni;
  • contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali professionali o alle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi dell’INPS, con esclusione di quelli richiesti a seguito di accertamento.

Chi intende aderire al saldo e stralcio dovrà presentare domanda entro il 30 aprile 2019 scegliendo se effettuare il pagamento in un’unica soluzione, entro il 30 novembre 2019, oppure in 5 rate con ultima scadenza il 31 luglio 2021.

[Continua a leggere…]

DAL 5 gennaio 2019 I SALDI

 Il 5 gennaio 2019 è previsto l’inizio dei SALDI   Si ricorda come i negozianti non siano obbligati a saldare la propria merce ed a proporre sconti invernali. Tutti i consumatori dovranno inoltre stare attenti ad alcuni commercianti “furbi” che gonfieranno il prezzo di listino per avere comunque un margine elevato.
Attenzione però i commercianti vicino casa devono esporre il prezzo originario e la scontistica applicata. Attenzione quindi che vengano rispettate le regole. Solo la legalità può riportare miglioria nel nostro territorio [Continua a leggere…]

L’assegno digitale sostituisce l’assegno originale cartaceo

banca Dal sito Abi.it – (1° settembre 2018) Nell’ambito del processo di digitalizzazione del Paese anche gli assegni si adeguano. Ciò grazie alla nuova procedura denominata “Check Image Truncation” (CIT) che trasforma gli assegni, una volta versati in banca, in un documento digitale.

L’assegno digitale sostituisce l’assegno originale cartaceo ed ha piena validità ad ogni effetto di legge, riducendo i rischi operativi legati al suo scambio materiale e lavorazione manuale.
La CIT non incide sulle modalità di utilizzo e versamento degli assegni da parte dei clienti: l’emissione e la circolazione degli assegni rimangono infatti in forma cartacea, e il versamento avviene presso gli sportelli delle agenzie o presso gli ATM multifunzione come previsto da ciascuna banca.
Dal 9 luglio 2018 la CIT è l’unica procedura utilizzabile dalle banche per il pagamento degli assegni.
Le 4 cose da sapere e a cui fare attenzione
1) Quando si emette l’assegno o quando lo si riceve, è importante verificare che esso sia completo di tutti gli elementi obbligatori: 1. luogo e data di emissione; 2. importo in lettere e in cifre; 3. nome del beneficiario; 4. firma del correntista che emette l’assegno bancario (cosiddetta firma di traenza) o della banca che emette l’assegno circolare. Gli assegni privi di uno di questi requisiti non sono regolari, non possono essere incassati con la nuova procedura CIT e devono essere nuovamente emessi.
Da non dimenticare, inoltre, che sugli assegni di importo pari o superiore a 1.000 euro deve essere presente la clausola “non trasferibile”, solitamente già presente sui moduli di assegni rilasciati dalla banca o da apporre a mano, a cura del correntista, qualora non presente su moduli di assegni “vecchi” e non ancora utilizzati, per non incorrere in sanzioni.

[Continua a leggere…]

ANTITRUST SEGNALA POSSIBILI ABUSI DI SKY E DAZN per una pubblicità non veritiera

antitrustAntitrust ha avviato su segnalazione anche dell’Unione Nazionale Consumatori, due procedimenti istruttori per presunte pratiche commerciali scorrette e possibili violazioni dei diritti dei consumatori nei confronti di Sky e di DAZN, per la commercializzazione dei pacchetti 2018/2019. «Un’ottima notizia», commenta il presidente dell’Unione consumatori, Massimiliano Dona, che accusa la Lega di aver spacchettato in tre la serie A e di «aver impedito la vendita dei 3 pacchetti a un’unica [Continua a leggere…]

FERIE VACANZE

napoli-mare-696x462

LA SEDE DELL’UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI

MARANO NAPOLI NORD

RESTA CHIUSA PER FERIE DAL 03 AGOSTO  AL  31 AGOSTO.

Riapriamo il 3 settembre 2018

PER URGENZE E CONSULTAZIONI POTETE CONTATTARE L’EMAIL CONSUMATORIMARANO@HOTMAIL.IT ED AVRETE UNA RISPOSTA IMMEDIATA  O CONTATTARE IL 3382787298

Bacheca degli associati

La nostra sezione allarga la sede ed apre con ingresso su strada sempre in Viale della Repubblica 134-Calvizzano
Ha stipulato convenzione, con il CAF e Patronato potranno essere effettuati tutti i servizi relativi a tale centro di assistenza a titolo gratuito nei casi previsti dalla legge,
L'iscrizione all'associazione è sempre pari ad in euro 50,00 da valere per due anni .
Per determinate questioni di rilevanza collettiva il ns direttivo nazionale ha autorizzato l'iscrizione a quote agevolate.
Metteteci alla prova la diversità ed efficienza vi meraviglieranno
Vi attendiamo per ogni problema e soluzione.

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle nostre notizie

Foto Gallery

Archivio

Categorie