La Volkswagen Auto s.p.a. ha riconosciuto l’esistenza e l’utilizzo di questo software fraudolento

wDa settimane è scoppiato lo scandalo Volkswagen in quanto l’Environmental Protection Agency (EPA) statunitense ha recentemente rilevato che il gruppo Volkswagen Auto s.p.a. ha abusivamente utilizzato per le proprie autovetture un software installato appositamente nella centralina del motore per ottenere, nei test di omologazione, dati sulle emissioni in linea con i parametri richiesti per i veicoli diesel. Per effetto di tale software nella normale guida su strada le emissioni reali possono superare fino a 40 volte quelle dichiarate.

La Volkswagen Auto s.p.a. ha riconosciuto l’esistenza e l’utilizzo di questo software fraudolento e dal 1° settembre 2015 Volkswagen Italia ha sospeso la vendita, l’immatricolazione e la consegna di tutti i veicoli con il motore diesel Euro 5, informando anche i concessionari Audi, Seat, Skoda e veicoli commerciali di sospendere la vendita e l’immatricolazione dei soli veicoli equipaggiati con motori diesel Euro 5 tipo EA 189.

Al momento Volkswagen Auto non ha fornito una lista ufficiale delle auto interessate: si ritiene che esse siano quelle con motore 2.0 Tdi EA 189 commercializzate dal 2009 in poi e probabilmente quelle con motore 1.6 Tdi.

I modelli coinvolti dovrebbero essere complessivamente 20, così ripartiti:

1)Otto con il marchio Audi (A1, A3, A4, A5, A6, TT, Q3 e Q5);

2)Tre con il marchio Seat (Leon, Altea e Alhambra);

3)Tre con il marchio Skoda (Yeti, Octavia e Superb);

4)Sei con il marchio Volkswagen (Golf, Passat, Maggiolino, Sharan, Tiguan e Touran);

5)Pare possibile anche il coinvolgimento dei veicoli commerciali Volkswagen Caddy e Multivan e del pick-up Amarok.

Condividi il post

    Pages: 1 2

    Speak Your Mind