Saldi online, UNC: ecco come evitare di prendere un bidone

tass
I saldi viaggiano anche online. E anche online vanno seguite una serie di accortezze per evitare che l’acquisto fatto d’impulso dal tablet a prezzo scontato del 50% non riveli un bidone. Non farsi prendere dalla smania dell’affare a tutti i costi, controllare la reputazione del sito di e-commerce, diffidare di sconti eccessivi e valutare bene l’impatto sul prezzo finale delle spese di spedizione: queste alcune delle raccomandazioni dell’Unione Nazionale Consumatori. Perché, come dice il segretario generale dell’associazione Massimiliano Dona, “non solo in negozio, ma anche on-line è periodo di saldi, ma non sempre un prodotto scontato si rivela un vero affare”.
I saldi scattano domani in gran parte delle regioni italiane, fatta eccezione per chi ha anticipato fra ieri e oggi – ieri la Campania, oggi Basilicata, Puglia e Marche. Spesso però i consumatori fanno acquisti online e anche sul web è iniziata la stazione delle vendite scontate. Dice Dona: “Sempre più consumatori fanno shopping on-line su siti mono e plurimarca, siti generalisti e gruppi d’acquisto, e con il dilagare di smartphone e tablet, che permettono di fare acquisti anche sotto l’ombrellone, il numero di e-consumer è in crescita, ma in Rete come per le vie del Centro è importante non farsi prendere dalla smania dell’affare a tutti i costi. Prima di fare acquisti è bene confrontare i prezzi (l’ideale sarebbe rapportarli con il prezzo iniziale) e non farsi attrarre soltanto dallo sconto: farete un affare soltanto acquistando un jeans scontato che vi serve davvero e non l’ennesimo paio di scarpe, seppur al 50 per cento!”.
“Anche in periodo di saldi – prosegue Dona – comprando un capo sul web si ha il diritto di cambiare idea, da esercitare entro 14 giorni dalla data di consegna del prodotto o dalla sottoscrizione del contratto (ricordate di conservare la ricevuta di pagamento!). La serietà di un sito si vede anche dalla politica di reso che adotta e dalla chiarezza con cui fornisce al cliente le informazioni. Prima di procedere nell’acquisto è bene informarsi sul sito su cui si sta comprando: basta fare qualche ricerca su Internet per scoprire la reputazione che gode on-line; in generale quando è presente un recapito telefonico, l’indirizzo fisico e la partita Iva si tratta di portali seri. Se leggete testi scritti male con errori o tradotti letteralmente da un’altra lingua, state alla larga! Date anche un’occhiata all’URL dell’indirizzo: fidatevi solo di siti ad alto standard, protetti da sistemi di sicurezza internazionali come SSL e SET, riconoscibili dalla certificazione e dal lucchetto chiuso”.
Naturalmente un occhio attento va rivolto al prezzo. “Diffidate da sconti eccessivi e prezzi troppo bassi: difficilmente si tratta di prodotti originali – ammonisce Dona – Prima di cliccare su ‘Acquista’ calcolate bene il costo finale del prodotto: uno sconto del 20 per cento difficilmente conviene se si devono aggiungere 15 euro di spese di spedizione. Infine, non sottovalutate il metodo di pagamento: va benissimo pagare con carta di credito, ricaricabile e anche con contrassegno, ma se il venditore chiede una ricarica della postepay, ad esempio, è meglio cambiare negozio on-line!”.

Condividi il post

    Speak Your Mind